PornHub e il marketing del porno non porno

Home » PornHub e il marketing del porno non porno

PornHub attualmente è uno dei più grandi siti di pornografia al mondo, contate che solo nel 2013 ha ricevuto più di 14,7 miliardi di visite, e negli ultimi anni si sta cimentando in campagne pubblicitarie di larga scala.

Il problema principale da affrontare è che attualmente, chi guarda e guardare film porno è un tabù difficilmente valicabile. La pornografia è considerato per molto un peccato che va contro l’attuale società.

Ed è qui che nasce l’inventiva di PornHub di creare una campagna nominata “Nothing” di porno non portno dove la pubblicità va a toccare la fantasia e la malizia delle persone senza però mostrare nulla di esplicito o chiaro.

Il risultato che è nato, sono campagne divertenti e create dove solo le migliori si sono aggiudicate la finale del concorso lanciato da PornHub.
In queste campagne si posano trovare scene di vita quotidiana e oggetti che di tutti i giorni, ma soprattutto, che possono essere messi amma mercè di tutto il pubblico.

Curiosità

  • Quasi il 50% delle persone online guarda video porno, quindi se non sei tu, guardati affianco 😉
  • 1 utente su 3 che guarda video porno è donna
  • Il marketing del porno per i primi anni ha trainato l’evoluzione di internet
  • Tutto l’algoritmo di Google Images lo dobbiamo al porno, la ricerca di immagini simili è dovuta a questo
  • I siti porno i primi ad avere le anteprime dei video quando ci passi sopra con il mouse in modo da vederne parte del contenuto. Youtube deve ancora arrivare a questa cosa.
  • Il marketing del porno è avanti anni luce nel web.

Per tutto questo vi lascio a un video molto interessante di Giorgi Taverniti.
Buona visione.

P.S. Ecco la grafica vincitrice del concorso PornHub

Commenti

By |2018-01-17T08:27:38+00:0027 Aprile 2015|Notizie Utili|

Send this to a friend